POSTUROLOGIA

La posturologia è una disciplina finalizzata a identificare problemi, anomalie e disallineamenti legati alla nostra postura e a porre in essere una serie di azioni per raggiungere una postura ottimale, capace di risolvere un lungo elenco di disturbi potenzialmente collegati. Contribuisce a valutare e riarmonizzare la relazione tra individuo e ambiente e a studiare le patologie algiche derivanti da un errato assetto posturale.

Il corpo è costituito da vari recettori: la pelle, l’occhio, l’orecchio, il piede, la mandibola, le cicatrici. La dispercezione di tali recettori può portare all’assunzione di posture e posizioni scorrette, che con il tempo possono sfociare in una sindrome da deficit posturale.

Correggere lo squilibrio posturale significa dare sollievo da cefalee, vertigini, senso di nausea nonché ripristinare il senso di equilibrio


Valutazione posturale

Un’attenta analisi, effettuata attraverso una batteria di test e ricorrendo anche ad una strumentazione adeguata (3d body recostruction e appoggio plantare in statica e dinamica) per poter analizzare nello specifico il recettore piede e l’appoggio podalico. Si consiglierà poi il corretto percorso rieducativo da effettuare per risolvere la sintomatologia dolorosa. 

Verranno effettuate le seguenti misurazioni:

  • Stabilometria: è un esame che permette di valutare e misurare l’equilibrio attraverso una pedana computerizzata. L’esame stabilometrico viene utilizzato per lo studio della postura del soggetto, valutando la distribuzione delle forze verticali sul piano di appoggio e misurando la stabilità del soggetto mediante la precisione del controllo posturale e l’energia utilizzata. Serve per stabilire se un determinato tipo di stazione eretta rientri nei limiti della normalità. 
  • Baropodometria: L’analisi baropodometrica consente di rilevare le pressioni plantari; i dati acquisiti sono necessari per effettuare lo studio del passo e dell’appoggio del piede per evidenziare le deviazioni causa di dolore ai piedi e alle articolazioni sovrastanti (caviglie, ginocchia, bacino,colonna vertebrale). Vengono effettuate: lanalisi statica, che viene condotta tramite una prova di pochi secondi in fase di appoggio. tale studio permette di valutare in maniera quantitativa i difetti dell’appoggio. Permette di valutare i difetti nell’appoggio, zone di ipercarico e di determinare la percentuale di ripartizione del peso corporeo sugli arti inferiori. Può essere inoltre effettuata un’analisi della geometria baricentrica che è utile per un’analisi posturale. Viene poi eseguita l’analisi dinamica, con la quale si effettua uno studio della fase dinamica grazie alla valutazione dell’andamento delle impronte durante il passo, valutando le percentuali di ripartizione della superficie di appoggio e di carico tra le due impronte e tra retropiede e avampiede. Anche in questo caso possono essere valutati i difetti dell’appoggio e vengono visualizzati una serie di grafici che mostrano l’andamento dei parametri significativi durante il passo quali la superficie di appoggio, la lateralità e la velocità di avanzamento dei baricentri pressori e la componente verticale della forza di spinta del piede sulla pedana. Esempio di analisi statica e dinamica: 
  • Dettaglio osseo colonna vertenrale in 3D: si effettua con l’ausilio del B.P.S. (Body Postural System) con telecamera su stativo regolabile elettronicamente con SPINE 3D Software per il dettaglio osseo della colonna 3D.
    Si tratta di un sistema molto evoluto, non invasivo, che in combinazione con il software, ti permette di misurare in modo dettagliato e preciso le altimetrie sui 3 piani frontale, posteriore e laterale. Il software misura le inclinazioni, le lunghezze e gli angoli del corpo evidenziando tutte le asimmetrie dei principali punti strutturali di riferimento.

Ginnastica posturale

Si può migliorare la postura con una attività motoria mirata a dare un modello mentale che permetta di mantenere nel tempo la postura migliore. È necessario un metodo che aiuti a prendere coscienza del proprio corpo, per questa ragione si lavora con un programma di esercizi in grado di scoprire le zone rigide e/o dolorose che porta ad acquisire capacità di controllo del corpo ed a migliorare la postura.

In rapporto alle richieste del medico e/o adattati alle esigenze specifiche del soggetto, i metodi di lavoro utilizzati sono differenti e tra loro integrati per esaltare le specificità del paziente ed ottimizzare così i risultati.

La ginnastica posturale è un insieme di esercizi volti a ristabilire l’equilibrio muscolare: in particolar modo, si tratta di una serie di movimenti, basati sul miglioramento della postura e sulla capacità di controllo del corpo, capaci di agire su zone del corpo rigide o affette da dolori. Gli esercizi hanno come scopo quello di rieducare il corpo umano a eseguire i movimenti in maniera corretta e ad assumere le giuste posture nella quotidianità.